Accedi o registrati

Sei un nuovo utente? Registrati

Hai un account su un social network? Accedi con il profilo che preferisci


Hai un account CrazyForSport o Gioca?

Pol.Dil. CASALGRANDESE

NEWS

02/01/2018
ECCELLENZA, MIRRA: "IL LAVORO CHE STIAMO SVOLGENDO FA BEN SPERARE"

"Lo so che adesso può sembrare una frase fatta, ma vale la pena ripeterla perchè è davvero il nostro pensiero: questa Casalgrandese è tutt'altro che rassegnata. Molti addetti ai lavori tendono a collocarci in Promozione prima del tempo, ma noi non ci sentiamo affatto retrocessi". Luca Mirra, attaccante della Prima squadra, suona la carica in vista dell'imminente ripresa del campionato: domenica prossima l'Eccellenza tornerà infatti a far parlare di sè con la 18esima giornata, e nell'occasione i nostri beniamini saranno ospiti del San Felice. "In questi giorni - prosegue Luca - stiamo lavorando in primo luogo sotto l'aspetto della preparazione fisica: mister Cosimo Cifarelli sta portando avanti un lavoro credibile e di grande efficacia, per portarci agli impegni di gennaio con uno stato di forma il più possibile brillante. Del resto, quando si è nel bel mezzo di una pausa natalizia, serve sempre un po' di rodaggio per ritrovare il giusto ritmo-partita: comunque sia, ciò che sto osservando in questi giorni mi aiuta a essere decisamente ottimista in tal senso".
 
Intanto, Mirra, diamo uno sguardo al cammino che avete portato avanti fin qui. Purtroppo avete raccolto soltanto 5 punti: è un bottino che rispecchia il valore messo in campo durante le prime 17 giornate?
"Certo che no: considerando la mole di gioco, di energie fisiche e di impegno che abbiamo sviluppato finora, la Casalgrandese meriterebbe senza dubbio di avere qualche punto in più in classifica. Purtroppo, troppe volte siamo stati penalizzati da singoli episodi: gli avversari ci hanno puniti a ogni minima distrazione. Inoltre, varie volte ci è mancata la giusta tenacia per reagire agli inghippi che di volta in volta si sono verificati: una prova lampante in tal senso è data dalla trasferta del 17 dicembre a Bibbiano".
 
In che senso?
"La formazione della Val d'Enza è riuscita ad andare sul 2-0 in proprio favore dopo appena una decina di minuti: un uno-due davvero micidiale, che ha finito per influenzare negativamente il nostro atteggiamento nei confronti della partita. Purtroppo, il mio gol non è stato sufficiente per invertire la rotta: ad ogni modo, sono certo che il ko contro il Bibbiano San Polo ci sia servito di lezione".
 
Nella fattispecie, quali indicazioni ne avete tratto?
"Sono certo che nel 2018 vedremo una Casalgrandese ancora più spavalda e concentrata: ovviamente il percorso che ci attende non sarà per niente semplice e lo sappiamo bene, ma intravedo le caratteristiche giuste per arrivare a costruire un rendimento in grado di stupire il pubblico che ci segue. Peraltro, con mister Cifarelli stiamo compiendo un lavoro molto accurato pure dal punto di vista caratteriale: un aspetto, questo, che ci autorizza a guardare all'immediato futuro con realismo misto a grande fiducia".
 
Il San Felice che affronterete domenica prossima è una diretta concorrente in chiave salvezza: avresti preferito inaugurare la fase di ritorno contro un altro tipo di avversaria?
"Assolutamente no: per giunta, adesso un'avversaria vale l'altra. Ora dobbiamo soltanto pensare a cogliere i 3 punti in ogni occasione, senza lasciarci influenzare dalla classifica o dal blasone dei rivali di turno: anche questo fa parte di un percorso di crescita sotto l'aspetto caratteriale, un percorso che stiamo portando avanti in modo continuativo e convincente. La posta in palio, inutile negarlo, è parecchio alta: una vittoria ci rilancerebbe notevolmente nell'alta classifica, mentre una sconfitta ci potrebbe allontanare in modo ulteriore dal terzultimo posto. Ad ogni modo, per tutto ciò che ho detto prima, sono convinto che il nostro approccio alla partita sarà coriaceo, determinato e senza timori".
 
Come vi presenterete in terra modenese?
"Al momento la squadra è in buona forma, e in occasione di domenica prossima l'infermeria dovrebbe essere vuota. Siamo pronti a farci valere: in più, i nuovi acquisti arrivati col mercato dicembrino ci aiuteranno a compiere quel salto di qualità sotto l'aspetto dei risultati a cui tutti noi aspiriamo. Nello specifico della partita di San Felice, dovremo badare per prima cosa a non prendere gol: una difesa efficace e stretta sarà il basamento su cui poggiare le nostre possibilità di vittoria".
 
A livello personale, Mirra, qual è il primo bilancio della tua esperienza in biancoblù nella stagione 2017/2018?
"Al momento non posso certo lamentarmi: sto bene, e non ho affatto perso l'entusiasmo giusto nel dare il mio contributo a una salvezza che sarebbe davvero prodigiosa. Nel contempo, credo di poter fare di più in fase realizzativa: punto quindi a segnare di più, ed è un fermo proposito che mi pongo in questo 2018. Devo ripartire con fermezza dal gol messo a segno il 17 a Bibbiano, che peraltro rappresenta anche la mia prima realizzazione stagionale in campionato".

Nella foto a inizio pagina: l'attaccante della Casalgrandese Luca Mirra.
Nella foto a centropagina: mister Cosimo Cifarelli.
Nella foto a fondopagina: il direttore sportivo Arturo Borghi.