Accedi o registrati

Sei un nuovo utente? Registrati

Hai un account su un social network? Accedi con il profilo che preferisci


Hai un account CrazyForSport o Gioca?

Pol.Dil. CASALGRANDESE

NEWS

09/04/2018
TARABELLONI: "PER IL FUTURO CONFIDIAMO DI RIPARTIRE DA INGARI, BORGHI E TIMPONE"

Nei suoi 11 anni di storia calcistica, la Casalgrandese non aveva mai dovuto fare i conti con una retrocessione: in questo decennio abbondante si sono susseguiti trionfi e promozioni, una striscia positiva che tuttavia si è ufficialmente interrotta ieri sera. La sconfitta casalinga contro il Pallavicino ha infatti sancito la matematica retrocessione della Prima squadra, che saluta il campionato di Eccellenza dopo aver maturato l'ultimo posto in classifica. "Oggettivamente parlando, abbiamo dovuto fare i conti con risorse finanziarie meno ampie rispetto alle annata precedenti - commenta il direttore generale biancoblù Pierluigi Tarabelloni - Di conseguenza ci siamo orientati sulla costruzione di una squadra in gran parte basata sui giovani, con tutti i pregi e i difetti che ciò comporta. Fin dall'inizio, sapevamo benissimo di andare incontro a una stagione di sofferenza sotto l'aspetto dei risultati: a dire il vero si poteva sperare in qualche punticino in più, ma una serie di fattori ha ulteriormente complicato il nostro cammino".
 
Quali fattori, nella fattispecie?
"Innanzitutto, in svariate occasioni abbiamo pagato una certa inesperienza: poi gli infortuni hanno fatto il resto, perchè quest'anno i problemi fisici non ci hanno concesso nemmeno un istante di tregua. Ad esempio, ieri Aracri ha riportato un pesante infortunio alla caviglia: è solo l'ultimo problema, in ordine cronologico, di una lunga serie di acciacchi che ci hanno portati a non poter mai disporre dell'organico al completo. Tutto ciò senza poi dimenticare un pizzico di sfortuna, che ci ha costantemente assillati: ad esempio contro il Pallavicino non è stato convalidato il gol del nostro 2-2, che avrebbe potuto cambiare totalmente volto alla partita".
 
E adesso, come si prospetta il futuro della Casalgrandese nel prossimo campionato di Promozione?
"Prima di parlare del futuro ci terrei a esprimere, a nome dell'intera società, un ringraziamento verso tutti i giocatori della Prima squadra e nei confronti dello staff tecnico: anche se purtroppo i risultati non sono stati positivi, ciascuno ha davvero fatto il massimo per cercare di ribaltare i pronostici che ci vedevano sfavoriti. Grazie anche ai collaboratori e volontari della Casalgrandese, senza tralasciare i preziosi sponsor. Per quel che concerne l'avvenire, entro 15 giorni riuniremo il nostro Consiglio Direttivo: sarà una riunione dove inizieremo a pianificare, in modo attento e scrupoloso, le mosse in vista della stagione 2018/2019".
 
Mister Beppe Ingari ha assunto le redini del gruppo a febbraio: da lì in avanti la Casalgrandese ha saputo costruire un apprezzabile percorso di miglioramento, sia a livello caratteriale sia per quanto riguarda alcuni risultati di spessore. Dunque, l'allenatore sarà ancora lui?
"Gli dobbiamo parlare nel dettaglio, per verificare se tra lui e la società vi sia una convergenza di vedute in merito alla pianificazione della prossima annata. Se questa convergenza ci sarà, noi saremmo più che felici se Ingari volesse rimanere al timone della Prima squadra. Ormai lui è davvero uno di noi, e in particolare quest'anno ha svolto un lavoro di consistente qualità: prima con la Juniores e poi con la formazione di Eccellenza. Lo stesso discorso che riguarda Ingari vale pure per Arturo Borghi: riteniamo che l'esperienza e la cultura calcistica del nostro direttore sportivo siano un vero e proprio valore aggiunto per la Casalgrandese".
 
Nel fine settimana, giova ricordarlo, è arrivata pure una notizia positiva: si tratta della salvezza conquistata dalla Casalgrandese Juniores, che dunque resterà inserita nel campionato regionale. Un buon segnale, non trovi?
"Certo che sì: le più vive congratulazioni vanno a tutti i ragazzi, a mister Beppe Timpone e al suo staff. Puntavamo molto sulla permanenza nel campionato regionale: ora, questo traguardo ci permette di gettare basi ancora più solide e convincenti in ottica futura. Tutto lascia pensare che la prossima Prima squadra sarà composta da alcuni elementi in arrivo dall'attuale Juniores: del resto, in questi mesi molti dei nostri Juniores hanno debuttato con buoni riscontri a livello di Eccellenza. Ci auguriamo poi di ritrovare un accordo con Timpone, che ha continuato in modo tenace ed efficace il lavoro svolto da Ingari".
 
Intanto la Casalgrandese Juniores è attesa da due rilevanti appuntamenti di fine stagione: prima il Torneo Valsecchia, poi il Cavazzoli...
"Contiamo di ben figurare in ambo le competizioni: tra l'altro potremo contare su rilevanti innesti dalla Prima squadra, che aumenteranno ulteriormente il potenziale dell'organico. Vi aspettiamo!"

Nella foto a inizio pagina: il dg Pierluigi Tarabelloni.
Nella foto a centropagina: mister Beppe Ingari.
Nella foto a fondo pagina: il direttore sportivo Arturo Borghi.